Monday, November 29, 2021
Google search engine
HomeNewsQueste società hanno finanziato i co-sponsor della proposta di divieto di aborto...

Queste società hanno finanziato i co-sponsor della proposta di divieto di aborto dell’Ohio


Pfizer è stata una delle 38 società che hanno contribuito ai legislatori dell’Ohio per sostenere un divieto a livello statale dell’aborto.
Fonte: Associated Press

Due dozzine di legislatori dello stato dell’Ohio hanno ricevuto donazioni per la campagna da un certo numero di importanti aziende e fornitori di assistenza sanitaria. co-sponsorizzare una nuova legislazioneProibire l’aborto all’interno dello stato

Nuovo rapporto di UltraviolettoL’organizzazione femminista nazionale “Gender Justice Network” ha identificato 38 aziende che lo scorso anno hanno donato più di 132.000 dollari ai legislatori dell’Ohio. Questo elenco include anche aziende come Merck, Anthem e Molina Healthcare. Hanno contribuito anche Dominion Energy, Charter Communications e General Motors. UltraViolet ha ricevuto gran parte del suo rapporto da Internet. OpenSecretsUn’organizzazione senza scopo di lucro che tiene traccia della spesa politica.

“Il punto in cui decidi di spendere il tuo dollaro politico – in questo caso dollari letterali – è un enorme barometro dei tuoi valori e di chi o cosa sei disposto a sacrificare”, ha affermato Sonja Spoo, direttrice delle campagne sui diritti riproduttivi di UltraViolet. “Le società finanziano direttamente l’erosione dei nostri diritti con i loro dollari politici”.

dell’Ohio HB 480È quasi identica alla legge estrema anti-aborto entrata in vigore in Texas a settembre La legge del Texas vieta l’aborto dopo circa sei settimane di gravidanza e delega i privati ​​cittadini a farlo rispettare offrendo una taglia di 10.000 dollari a chiunque faccia causa con successo a qualcuno che “favorisce o favorisce” una persona che cerca un aborto. Ma il disegno di legge dell’Ohio va anche oltre, vietando l’aborto in qualsiasi fase della gravidanza.

Gli sponsor del disegno di legge lo hanno intitolato “2363 Act” per i “duemilatrecentosessantatre bambini persi ogni giorno a causa dell’aborto negli Stati Uniti”, la proposta di leggeÉtats.

Mentre i rappresentanti dello stato repubblicano Jena Powell e Thomas Hall, i principali sponsor del disegno di legge, hanno ricevuto poco dei finanziamenti aziendali identificati da UltraViolet, i 23 co-sponsor hanno ricevuto $ 132.213 nel 2020.

Charter Communications ha donato $ 18.500 ai co-sponsor della legislazione anti-aborto dell’Ohio. American Electric Power ha donato $ 11.000; Molina Healthcare ha contribuito con $ 10.000; Dominion Energy ha fornito $ 9.500 e General Motors $ 8.550.

Le aziende sanitarie che hanno sostenuto i co-sponsor del disegno di legge includono Merck a $ 8.000, Anthem a $ 5.000 e Pfizer a $ 4.500.

Anche le aziende di consumo, tra cui AT&T e UPS, hanno donato piccole somme di denaro ai legislatori che stanno co-sponsorizzando il divieto di aborto in Ohio.

Sebbene possa sembrare piccolo rispetto alla razza federale, il finanziamento statale è significativo per i candidati.

“Una donazione di $ 5.000 a livello nazionale sono pochi centesimi. Sono pochi centesimi per fare una donazione di $ 5.000 a livello nazionale. Ma a livello statale, le campagne vengono vinte o perse dalla persona che può apporre il maggior numero di cartelli da giardino”, ha detto Spoo. “Quindi si tratta di un’enorme quantità di denaro e quel dollaro si estende molto di più”.

UltraViolet ha lanciato l’allarme a settembre sulle grandi aziende che hanno sostenuto il divieto di aborto in Texas. AT&T per aver donato più di $ 290.000A sponsor e co-sponsor per una legislazione estrema

Mentre tutti gli occhi sono puntati sul Texas da settembre, molti sostenitori temono che non venga prestata sufficiente attenzione all’Ohio, dove la proposta di legge ha già il sostegno della maggioranza della Camera di stato controllata dai repubblicani. Non è chiaro se il disegno di legge abbia il potenziale per passare al Senato statale, anch’esso sotto il controllo repubblicano.

L’Ohio ha già in vigore diverse altre restrizioni contro l’aborto. 30 misure passato nell’ultimo decennio l’ioLa legge include anche il divieto di aborto dopo 20 settimane e richiede che i pazienti paghino e si sottopongano a un’ecografia prima di abortire. Di recente, il legislatore statale ha approvato una legge che impone a chi ha abortito di scegliere tra la cremazione o la sepoltura del tessuto fetale. Questo è attualmente oggetto di contestazione nei tribunali.

“La lotta per l’accesso all’aborto non si svolge solo in Texas o alla Corte Suprema, ma proprio qui in Ohio”, ha affermato Iris Harvey, presidente e CEO di Planned Parenthood Advocates of Ohio. “Mentre l’assistenza all’aborto è ancora legale e disponibile, il nostro stato sta diventando il punto zero del movimento anti-aborto e milioni di abitanti dell’Ohio che hanno bisogno di questa assistenza cruciale corrono il rischio reale di vedersi spogliati dei loro diritti costituzionali”.

Sei leggi anti-aborto e tre pro-transgender sono attualmente in fase di elaborazione da parte del legislatore statale. Quattro città dell’Ohio hanno introdotto ordinanze locali che vietano l’aborto come parte della campagna degli estremisti antiabortisti con sede in Texas. E il legislatore statale sta per prendere in considerazione un cosiddetto divieto di innesco che vieterebbe immediatamente tutti gli aborti nello stato se la Corte Suprema ribaltasse Roe v. Wade ― cosa che potrebbe accadere nei prossimi mesi dopo che l’Alta Corte ha ascoltato un caso sul 15 del Mississippi. divieto di una settimana a dicembre.

Spoo ha affermato che UltraViolet continuerà a tenere i piedi sul fuoco delle grandi aziende per garantire che i consumatori sappiano dove stanno andando i loro soldi.

“Continueremo a fare pressione, specialmente su AT&T, ma anche su altre aziende che pensano di poter farla franca affermando di sostenere l’uguaglianza nelle loro dichiarazioni di pubbliche relazioni e poi si voltano e aprono la loro borsa, per così dire, per finanziare candidati che stanno lavorando direttamente per annullare esplicitamente l’uguaglianza”.

Fonte: HuffPost.com.

Condividi il tuo commento qui sotto

Il post che queste società hanno finanziato i co-sponsor della proposta di divieto di aborto dell’Ohio è apparso per primo su Breaking News.



Source: https://gt-ride.com/these-corporations-funded-the-co-sponsors-of-ohios-proposed-abortion-ban/

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments