Monday, November 29, 2021
Google search engine
HomeNewsOpinione: lo stato della Florida nel football universitario è stato ampiamente ignorato...

Opinione: lo stato della Florida nel football universitario è stato ampiamente ignorato dallo stato.


Il Doak Campbell Stadium aveva fuochi d’artificio, gli atleti della Florida State saltavano tra la folla e il colpo di Tomahawk veniva eseguito dai fan.

Dopo un’emozionante vittoria 31-28 su Miami, i Seminoles hanno vinto 10 punti. Ciò ha incluso un drive vincente che è iniziato con un passaggio di 59 yard. Ha richiesto una conversione quarta e 14 per segnare il touchdown vincente.

Aveva quasi tutto quello che ti aspetteresti da una partita di Miami-FSU: giocate che cambiano lo slancio, un finale drammatico, persino uno scontro a centrocampo tra le due squadre durante un timeout televisivo.

Immagina se questo contasse davvero.

Mentre i fan discutono su quali squadre del Georgia College Football Playoff giocare, l’assoluta insignificanza della Florida è seconda nella lista delle storie più intriganti di questo sport.

Non esiste una regione del paese che produca più stelle del calcio di Florida State, Miami e Florida. Anche alcuni programmi più piccoli condividono questo talento.

Eppure in questa stagione, i sette programmi FBS della Florida sono un 28-42 combinato senza uno solo di loro nel mix per giocare per qualcosa di significativo in questa postseason.

L’idea che i giocatori di football del college non siano in grado di raggiungere un tavolo di blackjack a Las Vegas è improbabile quanto mangiare a New Orleans. Questo è quasi impossibile da raggiungere.

Certo, nel contesto di quello che hanno passato in questa stagione, Florida State merita di festeggiare dopo aver interrotto la striscia di quattro vittorie consecutive di Miami nella serie. I Seminoles hanno avuto un duro colpo dall’ultima stagione di Jimbo Fisher nel 2017, e finalmente – due allenatori dopo – sembra che Mike Norvell stia recuperando una certa competenza nell’operazione.

Il record di FSU è ancora 4-6, ed è molto probabile che FSU perderà la sua quarta stagione consecutiva. Miami, una squadra tra le prime 20 della preseason, è ora 5-5 e si dirige verso una grande decisione sul futuro dell’allenatore Manny Diaz. I Florida Gators sono crollati così in basso che sabato stavano festeggiando negli spogliatoi dopo una prestazione imbarazzante contro Samford che difficilmente potrebbe essere definita una “vittoria”, anche se in quel modo va nel libro dei record. Anche l’UCF, che ha perso 27 punti contro SMU, ora è mediocre sul 6-4.

C’è qualcosa in corso nel nome di Ponce de Leon?

Il successo tende ad andare in cicli, ma storicamente è abbastanza comune che almeno due dei grandi programmi in Florida siano buoni allo stesso tempo. Forse uno di loro si abbassa un po’, ma c’è sempre abbastanza talento nello stato per riprendersi rapidamente.

Quello che stiamo vedendo ora, però, è una storica confluenza di orrori dalla Florida, dallo stato della Florida e da Miami. In effetti, dovresti tornare al 1978 – ben prima che qualcuno di loro diventasse nazionale – per trovare una stagione in cui nessuno dei tre finisse tra i primi 25.

Questo era inaspettato. Gli Hurricanes sono entrati nella stagione al 16° posto, ma stanno scavando da un buco da quando sono stati schiaffeggiati dall’Alabama all’inizio della stagione e sono crollati nel quarto trimestre contro il Michigan State il 18 settembre. A Gainesville, Dan Mullen sembrava più sicuro che mai dopo tre viaggi consecutivi alle sei partite di bocce di Capodanno. I Seminoles erano gli unici che sembravano indietro, ricostruendo il loro elenco dopo la disastrosa uscita di Fisher e lo stint di 21 partite di Willie Taggart.

Ecco, lo stato della Florida si trova qui tre mesi dopo con forse l’unica base di fan nello stato che è in qualche modo soddisfatta dello stato del loro programma – e questo è solo perché le aspettative erano inesistenti all’inizio.

Ogni programma ha alcuni difetti e ostacoli al successo, ma non c’è altra spiegazione che una cattiva gestione per come tutti e tre questi programmi siano andati così male.

Certo, c’è più concorrenza nel panorama odierno che negli anni ’80 o ’90, quando l’intera stagione era dominata da rivalità come FSU-Miami e Florida-FSU. Al giorno d’oggi, c’è più programmazione sulla televisione nazionale. Tutti gli allenatori in tutti gli angoli del paese sono in competizione per i giocatori in Florida. Sebbene abbiano guadagnato terreno negli ultimi anni, tutte e tre quelle scuole sono rimaste molto indietro rispetto ai loro coetanei per un periodo di tempo nelle guerre delle strutture.

I VINCITORI E I PERDENTIVincitori e sconfitti nel college football Settimana 11: Baylor, Kirk Ferentz in cima; Gators umiliato

SEDILE CALDOL’allenatore della Florida Dan Mullen è caloroso mentre i Gators battono gli FCS Samford Bulldogs

Tuttavia, le tendenze di reclutamento sono molto chiare. Secondo la classifica di Rivals.com delle 20 migliori prospettive di scuola superiore in Florida, solo tre nella classe firma dell’anno scorso sono andate in Florida e due sono andate a Miami, lo stesso numero che è andato al Maryland. L’Alabama ne ha presi sette, comunque.

Per le matricole del 2020, è stata la stessa identica storia. Florida State, Miami e Florida State hanno ottenuto nove dei primi venti posti, mentre i restanti sono andati a scuole come Georgia, Clemson o LSU.

Se tre programmi di prim’ordine con una grande tradizione, storia e geografia non stanno attraendo la maggior parte delle reclute blue chip in Florida, questo è un problema serio. Ed è per questo che i fan della Florida sono stati così frustrati in questa stagione con l’indifferenza pubblica di Dan Mullen sulle domande sul fatto che stia facendo il lavoro nel reclutamento.

Puoi trovare molti ottimi college in tutta la nazione che offrono college football. Ma l’idea che Hurricanes, Seminoles e Gators non riescano a convincere i migliori ragazzi di Miami o Tampa a venire nelle loro scuole è così antitetica alla natura di questo sport che sfida davvero ogni logica e convinzione.

Fino a quando ciò non cambierà, tuttavia, lo stato più rilevante nell’unione per il pool di talenti del college football mancherà in azione quando arriverà il momento di vincere i campionati.

Fonte: USAToday.com

Il post Opinione: lo stato della Florida nel football universitario è stato ampiamente ignorato dallo stato. è apparso per primo su News Daily.



Source: https://philippinenewsdaily.com/opinion-floridas-status-in-college-football-has-been-largely-ignored-by-the-state/

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments