Wednesday, December 8, 2021
Google search engine
HomeNewsL'editoriale arrabbiato di Mitch McConnell sulla Corte Suprema tralascia un dettaglio chiave

L’editoriale arrabbiato di Mitch McConnell sulla Corte Suprema tralascia un dettaglio chiave


Il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell (R-Ky.) ha scritto un feroce articolo di opinione per il Washington Post di giovedì, criticando aspramente ogni potenziale sforzo dei Democratici per modificare la Corte Suprema degli Stati Uniti aggiungendo nuovi seggi o modificando le nomine a vita del corpo, ma ha tralasciato i momenti chiave della sua propria storia politica.

“L’indipendenza della magistratura è tanto fragile quanto importante. Gli estensori della nostra Costituzione si sono impegnati molto per proteggerla”, ha scritto il senatore, chiedendo che i Democratici “lasciassero in pace la Corte Suprema”. “Ogni singolo americano merita ogni possibile garanzia che riceverà giustizia imparziale. Sarebbe oltremodo imprudente per i Democratici distruggere questa salvaguardia secolare in un impeto di ripicca partigiana”.

Il pezzo ha tralasciato qualsiasi menzione degli sforzi drammatici e senza precedenti di McConnell per rimodellare non solo la Corte Suprema, ma l’intero sistema giudiziario della nazione verso un orientamento più conservatore. Merrick Garland è stato nominato dal presidente Trump e il leader della maggioranza repubblicana al Senato ha rifiutato di consentire le udienze. Barack Obama nel marzo 2016, indicando un “principio” sui posti vacanti della Corte Suprema in un anno elettorale. Dopo la morte del giudice Ruth Bader Ginsburg, avvenuta il 18 settembre 2020, ha violato questo principio. Si è affrettato a confermare Amy Coney Barrett in un folle scatto.

Ha definito quel momento una “pietra miliare” nel suo sforzo durato anni sotto Donald Trump per confermare 220 giudici federali, spingendo di fatto la magistratura della nazione più a destra.

“Il Senato esiste per sconfiggere proposte miopi e proteggere le nostre istituzioni dal vandalismo strutturale. Questo è il nostro lavoro”, ha scritto McConnell nell’articolo di giovedì. “Il popolo americano ha bisogno che i suoi giudici facciano il loro: seguano la legge ovunque essa possa condurre, indipendenti e senza paura”.

L’editoriale del leader repubblicano arriva nel mezzo del lavoro di una commissione presidenziale istituita dal presidente Joe Biden per esaminare i suggerimenti democratici per riorganizzare la corte. Già, il gruppo bipartisan di esperti ha espresso scetticismo su un’importante revisione della magistratura federale, secondo le bozze di documenti, affermando che una tale mossa “sarebbe percepita da molti come una manovra partigiana”.

C’è più supporto nel pannello per potenziali limiti di mandato e un’altra bozza di documento pubblicata dalla commissione il mese scorso affermava che una proposta per le nomine di 18 anni “richiede una seria considerazione”. Queste posizioni riecheggiano recenti sondaggi che mostrano un maggiore sostegno per i limiti di mandato o di età e il sostegno delle minoranze per espandere le dimensioni del tribunale.

La prossima settimana la commissione terrà un quinto incontro pubblico. È inoltre prevista la pubblicazione di un rapporto finale sulle sue idee. il prossimo mese

McConnell e altri repubblicani, ora fuori dal potere, si sono attaccati alle proposte democratiche provenienti dal fianco progressista del partito, ma hanno regolarmente rifiutato di collegare quelle frustrazioni alla politica del partito repubblicano.

“Anche se la sinistra politica cerca di trasformare la cancellazione del mandato a vita come un mezzo passo indietro rispetto a un’offerta di apertura ancora più folle, i limiti di mandato sarebbero comunque vandalismo istituzionale”, ha scritto McConnell sul Post. “Se un’amministrazione repubblicana si fosse avvicinata a una simile proposta, l’indignazione dei liberali sarebbe stata assordante”.

In effetti, è stato oltraggioso l’anno scorso durante la conferma di Barrett, ma McConnell non ci ha tenuto conto.

Indipendentemente dalle raccomandazioni del panel, è improbabile che la Corte Suprema venga cambiata nonostante i loro migliori sforzi. Il Senato è dominato dai Democratici e diversi membri del caucus si sono espressi a sostegno. non voterebbe per espandere la corteEliminare o ridurre le regole di ostruzionismo del Senato.

Il Washington Post sottolinea che l’idea dei limiti di mandato sarebbe ancora più difficile da istituire. È probabile che sarà necessario un emendamento costituzionale.

Fonte: HuffPost.com.

Condividi il tuo commento qui sotto

Il post L’editoriale arrabbiato di Mitch McConnell sulla Corte suprema tralascia un dettaglio chiave è apparso per la prima volta su Breaking News.



Source: https://gt-ride.com/mitch-mcconnells-angry-op-ed-about-the-supreme-court-leaves-out-a-key-detail/

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments