Tuesday, December 7, 2021
Google search engine
HomeNewsInformatore apparso nella serie USA TODAY "Behind the Blue Wall" estromesso dal...

Informatore apparso nella serie USA TODAY “Behind the Blue Wall” estromesso dal sindacato di polizia


Un sindacato di polizia di Chicago ha espulso un agente che stava affrontando accuse penali dopo aver esposto il video della sua auto della polizia. Il filmato lo mostrava imprecare e schiaffeggiare una vittima di un’overdose di droga.

Caso del sergente. Javier Esqueda, un veterano di 27 anni del dipartimento di polizia di Joliet, è stato presentato a settembre come prima puntata della serie USA TODAY “Behind the Blue Wall”, un’indagine che ha coinvolto più di 300 casi di agenti di polizia negli ultimi dieci anni che hanno pronunciato contro presunti illeciti nei loro dipartimenti.

Una storia successiva pubblicata questa settimana ha delineato i modelli di ritorsione contro tali ufficiali nei dipartimenti grandi e piccoli in tutto il paese, evidenziando come alcuni all’interno delle forze dell’ordine utilizzino le indagini sugli affari interni e altre forme di ritorsione e intimidazione per punire coloro che infrangono il codice del silenzio.

Esqueda ha detto a USA TODAY di essere diventato un paria tra i suoi colleghi da luglio 2020, quando ha condiviso con un reporter televisivo un filmato del gennaio di quell’anno che mostrava come gli agenti trattavano un uomo di colore ammanettato in difficoltà mediche. Gli agenti hanno schiaffeggiato Eric Lurry, gli hanno limitato le vie aeree e gli hanno infilato un manganello in bocca poche ore prima della sua morte. Dopo un’indagine penale da parte degli ufficiali del dipartimento sulla sua condotta, Esqueda è stato accusato di quattro reati ciascuno di cattiva condotta e potrebbe scontare fino a 20 anni di carcere.

I membri dell’Associazione degli ufficiali di polizia di Joliet mercoledì hanno votato 35-1 per espellere Esqueda, una mossa riportata per la prima volta dal quotidiano The Herald-Ledger di Joliet. In una lettera che lo informava dell’imminente voto il mese scorso, i leader sindacali hanno descritto la sua condotta come “riprovevole”. La lettera non ha offerto dettagli su quali azioni di Esqueda hanno spinto al voto.

Ma Esqueda giovedì ha detto che crede che la mossa sia l’ennesimo atto di rappresaglia da parte della leadership della polizia di Joliet, che dalla storia di USA TODAY si è trovata sotto un’indagine dell’ufficio del procuratore generale dell’Illinois e una riorganizzazione del dipartimento che ha portato il manager della città il mese scorso a licenziare il capo. Alba Malec.

“Tutti mi volevano accusato, tutti vogliono che me ne andassi, e così facendo, è un’autogratificazione per loro”, ha detto Esqueda del voto del sindacato. “E dopo tutto quello che è successo, voglio davvero essere associato a loro?”

Javier Esqueda

Justin Hansford, professore di diritto alla Howard University e direttore esecutivo del Thurgood Marshall Civil Rights Center, ha dichiarato giovedì a USA TODAY di non essere sorpreso che i colleghi di Esqueda si siano mossi per licenziarlo dal sindacato anche sullo sfondo della copertura delle notizie nazionali e di un indagine di stato.

“In molti casi sanno che queste azioni sono sbagliate, ma sono anche consapevoli che una volta che c’è trasparenza in questi casi c’è una preoccupazione su come apparirà alla luce del giorno”, ha detto.

Il sergente di polizia di Joliet Patrick Cardwell, presidente del sindacato dei supervisori, ha rifiutato di commentare a USA TODAY giovedì quando è stato raggiunto per telefono.

Esqueda ha affermato che Cardwell gli ha consegnato una nota che lo informava delle elezioni diverse settimane fa.

“Il Consiglio Direttivo ritiene che tu abbia tenuto una condotta dannosa per l’ordinato funzionamento dell’Associazione, e la tua condotta è ritenuta così riprovevole che la rimozione dall’appartenenza è appropriata”, ha scritto Cardwell nella lettera, datata 19 ottobre.

Javier Esqueda

La decisione arriva a quasi due mesi dall’indagine del procuratore generale dell’Illinois Kwame Raoul sul dipartimento di polizia di Joliet per determinare se gli agenti hanno un modello di violazione dei diritti civili.

Raoul ha affermato che il suo ufficio potrebbe costringere il dipartimento di polizia di Joliet a fare cambiamenti drastici in caso di problemi sistemici. Ma ha chiarito che il suo ufficio non ha giurisdizione per intraprendere azioni specifiche riguardo alla morte di Lurry, che un medico legale ha stabilito che è morto per overdose di droga ore dopo il suo incontro con la polizia.

Secondo ulteriori registrazioni rilasciate dalla polizia di Joliet dopo che Esqueda ha fatto trapelare una parte del video della macchina della polizia, gli agenti che hanno arrestato Lurry lo hanno riportato alla stazione di polizia invece che in un ospedale, anche dopo aver creduto che avesse ingerito droghe per impedire alla polizia di trovarli.

Nicole ed Eric Lurry

Dopo un’indagine della task force multiagenzia sull’omicidio di Lurry, la polizia ha scagionato tutti gli ufficiali da illeciti criminali. Nicole Lurry (la vedova di Lurry) ha intentato una causa per omicidio colposo contro la città, gli agenti e chiunque altro sia coinvolto nel suo confronto con suo marito.

Agli investigatori è stato detto da un sergente dello stesso sindacato che ha licenziato Esqueda che Lurry sembrava aver perso conoscenza nella sua auto della polizia. Al sergente è stato permesso di guardare i filmati delle auto della polizia prima di parlare con gli investigatori.

Gli agenti coinvolti hanno ricevuto tutti punizioni minori alla fine dell’indagine interna del dipartimento sull’incidente di Lurry. La disciplina includeva una sospensione di sei giorni di un ufficiale che ha spento il suono della registrazione nei momenti dopo che il sergente ha schiaffeggiato Lurry, 37 anni, e lo ha chiamato “stronza”.

  Nicole Lurry tiene in mano una foto di Eric mentre si trovava nella sua casa di Joliet, IL, mentre parla dell'ultima volta che ha visto suo marito, Eric Lurry, l'uomo di 37 anni morto per overdose ed è stato il soggetto del video della dashcam Javier Esqueda esposto lunedì 16 agosto 2021. "Quando sono arrivato lì e sono andato in una stanza dove si trovava lui, era semplicemente sdraiato lì.  Solo masturbandosi.  Così il dottore, un'infermiera è entrata e ha chiesto, "cosa sta succedendo con lui?  Quello che è successo?" lei disse," Praticamente stavo toccando la sua mano, strofinando il suo braccio.  Non avevano una maglietta addosso, quindi per secondo ho toccato il suo petto e la sua testa.  Sai, solo pregare per lui, solo dirgli che andrà tutto bene." Ha trascorso mesi cercando di trovare risposte su come è morto suo marito e ha detto che la polizia l'ha bloccata.  Nicole Lurry era in prima linea nelle proteste a Joliet dopo che il video è diventato pubblico e ha sfruttato quell'attivismo in una recente corsa per una carica pubblica.

Malec aveva programmato almeno due udienze disciplinari con Esqueda all’inizio dell’autunno per rivelare la sua punizione per la fuga del video. Questo dopo che i capi del dipartimento lo avevano mostrato alla famiglia di Lurry, ad alcuni giornalisti locali ea diversi pastori della zona.

Malec ha rifiutato di parlare con USA TODAY settembre per quanto riguarda le azioni che intendeva intraprendere contro Esqueda. Tuttavia, Esqueda ha dichiarato che pensava che avrebbe licenziato Esqueda. Esqueda, che era già in congedo amministrativo prima del suo arresto nell’ottobre 2020, è stato recentemente assunto come segretario presso il municipio.

Un giorno dopo che Esqueda ha ricevuto un avviso il mese scorso che Malec stava nuovamente programmando un’udienza disciplinare per lui, il manager della Joliet City Jim Capparelli ha licenziato Malec e ha nominato un capo ad interim. Più tardi, ha revocato il suo licenziamento e lo ha retrocesso. Tuttavia, il dramma continua davanti al consiglio comunale e ad altri leader cittadini.

Capparelli non ha risposto alla nostra chiamata di giovedì, tuttavia ha detto che non era il manager della città quando l’ex capo della polizia Alan Roechner ha avviato l’indagine penale di Esqueda. Se fosse stato al comando, ha detto che “le cose sarebbero andate diversamente”.

Esqueda dovrà affrontare accuse penali perché ha avuto accesso illegalmente alle riprese video dell’incidente di Lurry usando il suo laptop ufficiale. Esqueda ha detto di aver guardato il video dopo aver effettuato l’accesso e ha visto che era disponibile per la visualizzazione, il che in genere indica che un’indagine era stata chiusa. Il video era qualcosa che Esqueda aveva visto ed era preoccupato che uno dei suoi allievi sarebbe stato coinvolto.

Non è ancora stata fissata una data di prova.

Roechner ha dichiarato a USA Today quest’estate che non considera Esqueda un informatore e che si aspettava nuove prove per il suo processo. I colleghi di Esqueda hanno detto agli investigatori che aveva intenzione di usare il video come una “carta vincente” per evitare la disciplina in un incidente non correlato. In quel caso, i funzionari del dipartimento hanno stabilito che Esqueda non era riuscita a supervisionare un altro ufficiale che aveva avuto una colluttazione con una donna durante una fiaccolata.

Esqueda è uno dei 30 ufficiali che hanno firmato questa lettera al Congresso esortandoli a proteggere gli informatori della polizia.

Quest’estate è stato anche il primo destinatario di un premio nazionale da The Lamplighter Project, un gruppo di sostegno e difesa per gli informatori della polizia. Il nome dell’organizzazione deriva da un termine coniato da Francesco Serpico, il detective della polizia di New York che ha denunciato la diffusa corruzione all’interno del dipartimento negli anni ’70 ed è stato commemorato in un film di Hollywood che porta il suo nome.

Daphne Duret è una giornalista del team investigativo di USA TODAY e una Knight-Wallace Reporting Fellow 2021-22 presso l’Università del Michigan. Daphne Duret può essere contattata via e-mail @dd_writes e all’indirizzo [email protected]

Fonte: USAToday.com

Il post Whistleblower apparso nella serie USA TODAY “Behind the Blue Wall” estromesso dal sindacato di polizia è apparso per la prima volta su News Daily.



Source: https://philippinenewsdaily.com/whistleblower-featured-in-usa-today-behind-the-blue-wall-series-ousted-from-police-union/

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments