Wednesday, December 1, 2021
Google search engine
HomeNewsIl documentario "Mayor Pete" è la "Sneaky Love Story" di Buttigieg, afferma...

Il documentario “Mayor Pete” è la “Sneaky Love Story” di Buttigieg, afferma il regista


https://wwwyoutube.com/watch?v=1CCXyUge7hA

Jesse Moss era ansioso di esaminare una storica campagna presidenziale quando ha firmato per “Sindaco Pete”, un nuovo documentario su Pete Buttigieg.

Con sua grande gioia, ha detto che il film finale riguardava più l’amore che la politica.

“Il sindaco Pete”, pubblicato venerdì su Amazon Prime, è più arioso di quanto chiunque abbia familiarità con il clima amaramente divisivo delle elezioni presidenziali del 2020 potrebbe aspettarsi. Segue Buttigieg – l’ex sindaco di South Bend, Indiana, e attuale segretario ai trasporti – mentre fa la sua offerta per la nomination democratica, diventando il primo uomo apertamente gay nella storia a farlo. (Guarda il trailer di “Sindaco Pete” sopra.)

Sebbene Joe Biden alla fine sia diventato il candidato democratico e abbia vinto la presidenza, il film di Moss presenta Buttigieg come una figura politica trascendente, in particolare quando l’attenzione si concentra sul matrimonio del candidato con suo marito, Chasten Buttigieg.

“È un film su una relazione che si dà il caso che sia al centro di una campagna presidenziale”, ha detto all’HuffPost Moss, che vive a San Francisco. “Mi piace che sia una specie di subdola storia d’amore, una sorta di storia di formazione per Pete. La sua giovane relazione è messa alla prova e si rivela così pubblicamente”.

Chasten (a sinistra) e Pete Buttigieg in “Mayor Pete”, che debutta venerdì su Amazon Prime
Amazon Studios

In effetti, i momenti più avvincenti in “Sindaco Pete” sono quelli che mostrano Buttigieg alle prese con come presentare la sua sessualità ai potenziali elettori che potrebbero non sentirsi a proprio agio con i candidati LGBTQ. Chasten avverte il marito di questa scena. Discorso del Fondo per la vittoria LGBTQ 2019 Sono stati fatti diversi riferimenti al suicidio, che, sebbene ben intenzionato, potrebbe essere stato frainteso. Più tardi, Chasten sottolinea che non sarà posizionato in modo così prominente come i coniugi di altri candidati a un evento in Iowa.

D’altro canto, gran parte della tensione del documentario è fornita dal direttore delle comunicazioni di Buttigieg, Lis Smith, che lo prende a pugni con critiche feroci e suggerisce che si imbatte come “il fottuto uomo di latta” durante la preparazione del dibattito. Buttigieg si confronta anche sulla sua sessualità. storia rocciosaLe relazioni razziali hanno un fascino limitato tra gli elettori neri ― punti di discussione di attualità che il film potrebbe aver tratto beneficio dall’ulteriore esplorazione.

“Mayor Pete” è stato presentato in anteprima al Chicago International Film Festival il mese scorso ed è stato anche proiettato al NewFest, il festival cinematografico LGBTQ di New York. Recensioni miste. La CNN ha definito il documentario “affascinante”, ma ha anche notato che i “momenti più sinceri” hanno coinvolto “quelli diversi dal candidato”. Allo stesso modo, il New York Times ha affermato che il film “si presenta più spesso come un’uscita dal sentiero che come uno sguardo dall’interno”.

“Non sono qui per dire, ‘Pete dovrebbe essere il tuo uomo’ questa è una decisione che le persone devono prendere da sole”, ha detto Moss di Buttigieg.
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments