Monday, November 29, 2021
Google search engine
HomeNewsIl Cremlino rifiuta l'accumulo di truppe al confine con l'Ucraina e segni...

Il Cremlino rifiuta l’accumulo di truppe al confine con l’Ucraina e segni di piani per l’invasione


MOSCA (AP) – Venerdì il Cremlino ha respinto le accuse secondo cui un accumulo delle sue truppe vicino all’Ucraina riflette le intenzioni aggressive di Mosca, affermando che la Russia deve garantire la propria sicurezza in risposta alle presunte minacce della NATO.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha respinto i resoconti dei media occidentali secondo cui Mosca ha intenzione di invadere l’Ucraina come “un tentativo vuoto e infondato di incitare alle tensioni”.

“La Russia non minaccia nessuno”, ha detto Peskov durante una teleconferenza con i giornalisti. “Il movimento delle truppe sul nostro territorio non dovrebbe essere motivo di preoccupazione per nessuno”.

La scorsa settimana l’Ucraina si è lamentata del fatto che la Russia ha tenuto decine di migliaia di soldati non lontano dai confini dei due paesi dopo aver condotto giochi di guerra nel tentativo di esercitare ulteriori pressioni sul suo vicino ex sovietico. La Russia ha annesso la penisola di Crimea all’Ucraina nel 2014 e ha sostenuto un’insurrezione separatista scoppiata quell’anno nell’Ucraina orientale.

Il ministero della Difesa ucraino ha affermato che circa 90.000 soldati russi sono di stanza non lontano dal confine e nelle aree controllate dai ribelli nell’est dell’Ucraina. Secondo il ministero della Difesa ucraino, unità della 41a armata russa si trovano ancora a Yelnya (una cittadina situata a circa 260 km a nord del confine ucraino).

Valeriy Zaluzhny, il comandante in capo delle forze armate ucraine, ha dichiarato che la Russia ha attualmente circa 2.100 soldati nei territori controllati dai ribelli. Ha inoltre sottolineato che il personale militare russo detiene ogni posizione di comando nelle forze separatiste.

La Russia ha sostenuto l’insurrezione separatista nell’est dell’Ucraina che ha causato più di 14.000 morti. Mosca nega ripetutamente la presenza di truppe nella regione orientale dell’Ucraina.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha assicurato al ministro degli esteri ucraino, Dmytro Kuleba, a Washington questa settimana che l’impegno degli Stati Uniti per la sicurezza e l’integrità territoriale dell’Ucraina è “ferro”.

Venerdì, Blinken ha indicato le precedenti azioni aggressive della Russia contro l’Ucraina. “Da quello che hanno fatto in passato, abbiamo reali preoccupazioni su ciò che stiamo vedendo nel presente”, ha detto.

“Non conosciamo le intenzioni della Russia”, ha detto Blinken ai giornalisti a Washington. “Ma sappiamo che abbiamo visto in passato: le forze di massa russe ai confini dell’Ucraina, rivendicano una sorta di provocazione da parte dell’Ucraina e poi invadevano. È quello che hanno fatto nel 2014».

Blinken ha affermato che gli Stati Uniti erano “in strettissima consultazione con alleati e partner europei su questo”.

Alla domanda giovedì se la Russia avesse intenzione di invadere l’Ucraina, il vice ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Dmitry Polyansky, ha risposto che “non ha mai pianificato, mai fatto e (è) non lo farà mai a meno che non siamo provocati dall’Ucraina o da qualcun altro”. Ha citato quelle che ha definito molte minacce dall’Ucraina e presunte azioni provocatorie delle navi da guerra statunitensi nel Mar Nero.

Allo stesso modo Peskov ha sottolineato venerdì che la Russia ha bisogno di proteggere la propria sicurezza in mezzo a quelle che ha descritto come “provocazioni crescenti” vicino ai suoi confini. Ha fatto riferimento agli schieramenti della Marina degli Stati Uniti nel Mar Nero e all’aumento della frequenza dei voli dell’intelligence USA-NATO.

“Adottiamo misure per garantire la nostra sicurezza quando i nostri avversari intraprendono azioni di sfida vicino ai nostri confini”, ha affermato Peskov. “Non possiamo rimanere indifferenti a questo; dobbiamo stare in guardia”.

Il ministero della Difesa russo ha descritto lo spiegamento delle navi da guerra statunitensi USS Mount Whitney e USS Porter, che hanno navigato nel Mar Nero la scorsa settimana, come una “minaccia alla sicurezza regionale e alla stabilità strategica”.

“Il vero obiettivo dietro le attività degli Stati Uniti nella regione del Mar Nero è esplorare il teatro delle operazioni in caso di tentativi di Kiev di risolvere il conflitto nel sud-est con la forza”, ha affermato il ministero in una nota.

L’Unione europea era preoccupata per le notizie di un rafforzamento militare russo vicino all’Ucraina.

Dopo aver discusso la questione con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden all’inizio di questa settimana, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che i funzionari dell’UE “sostengono pienamente l’integrità territoriale dell’Ucraina”.

Il portavoce della Commissione europea Peter Stano ha detto ai giornalisti venerdì che il blocco sta discutendo la situazione con i partner, inclusi Stati Uniti e Regno Unito, aggiungendo che “le informazioni che abbiamo raccolto finora sono piuttosto preoccupanti”.

Durante i colloqui di venerdì a Parigi, i ministri della Difesa e degli Esteri francesi hanno espresso preoccupazione per l’Ucraina.

Il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian e il ministro della Difesa Florence Parly “hanno chiaramente avvertito delle gravi conseguenze di eventuali ulteriori danni all’integrità territoriale dell’Ucraina”, hanno dichiarato il ministero degli Esteri francese in una nota dopo l’incontro.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto venerdì che parlerà con il presidente russo Vladimir Putin nei “prossimi giorni” della situazione in Ucraina e Bielorussia.

A questo rapporto hanno contribuito Matthew Lee (scrittore diplomatico AP), Angela Charlton a Washington e Sylvie Cobet a Parigi. Hanno contribuito anche Yuras Karmanau, Kiev, Ucraina, Lorne Cook e Sylvie Carbat.

Fonte: HuffPost.com.

Condividi il tuo commento qui sotto

Il post che il Cremlino rifiuta l’accumulo di truppe al confine con l’Ucraina Segnali piani di invasione è apparso per primo su Breaking News.



Source: https://gt-ride.com/kremlin-rejects-troop-buildingup-at-ukraine-border-signs-plans-to-invade/

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments